Social Media Strategies & Web Marketing Solutions

Google Instant: SERP alla velocità del pensiero

Che cos’è Google Instant?

Ecco svelato il grande annuncio di Google: l’arrivo di Instant, il servizio che cambia radicalmente il modo in cui abbiamo sempre utilizzato il Motore di Ricerca. Instant, infatti, altro non è che un sistema di previsione della Query finale, attivato all’atto stesso della digitazione del primo carattere, che permette a Google di aggiornare la Pagina dei Risultati (SERP) in Tempo Reale. Mentre digiteremo la prima parte della nostra Chiave di Ricerca, quindi, vedremo cambiare la pagina sotto i nostri occhi, con risultati più accurati ad ogni nuova lettera.

Google Instant è una nuova interfaccia di Google che visualizza i risultati più rilevanti mentre l’utente digita la sua Chiave di Ricerca.

Ecco un esempio:

Immaginiamo di voler digitare la Query “facebook marketing“, in cerca di soluzioni per utilizzare Facebook per incrementare il nostro Business.

Digitando la sola lettera F, Google Instant ci mostrerà immediatamente i risultati per la Ricerca relativa alla Parola Chiave “Facebook“. Questo perché, evidentemente, “Facebook” è la parola con la F più ricercata, sulla base dei dati in possesso di Google. Instant pensa da subito che la nostra ricerca possa essere relativa al Social Network, in quanto secondo i suoi calcoli è molto probabile che sia così.

In questo caso, però, noi non stiamo cercando la Home Page di Facebook (primi risultati della SERP proposta). Proseguiamo, quindi, nel digitare le lettere.

Terminata la parola “Facebook“, abbiamo visto la SERP rimanere sempre la stessa. Appena digitiamo lo spazio, però, la pagina cambia sotto i nostri occhi: Google Instant ha capito che cerchiamo il termine  ”Facebook” unito ad una seconda parola e sa che la combinazione più probabile è “Facebook Login“, in quanto quest’ultimo è il termine più ricercato insieme al primo. A questo punto, Instant ci propone una pagina di risultati relativi alla Query “Facebook Login“, anche se noi abbiamo digitato soltanto “Facebook_”.

Proseguendo a digitare le lettere che compongono la parola “Marketing“, vedremo la SERP cambiare ad ogni nuova unità aggiunta:

- per “Facebook M”, vedremo i risultati per “Facebook Mobile”;

- per “Facebook Ma” vedremo i risultati per “Facebook Mania”;

etc..

Aggiunta la lettera “K” (arrivati, quindi, a “Facebook Mark“) vedremo il cambiamento più importante: Google Instant avrà capito che cerchiamo “Facebook Marketing” e, oltre a presentarci la SERP definitiva (quella che cercavamo), visualizzerà anche gli Annunci di Adwords relativi a quelle Parole Chiave.

Ecco, però, un aspetto interessante sul quale rifletteremo più tardi: se non ci fermassimo qui? Se il nostro obiettivo fosse stato, invece, “Facebook Marketing Tools“? Proseguendo a digitare la parola “Tools” avremmo visto la SERP cambiare ancora, nascondendo in un lampo gli Adwords precedenti e sostituendoli subito con nuovi Annunci, corrispondenti alla nuova Query “prevista”. Gli esperti si staranno chiedendo: questo genererà migliaia di Impression (visualizzazioni di un Annuncio, rilevate da Adwords per fini statistici e di ottimizzazione delle Campagne Pay-Per-Click) inutili? Falserà tutti i dati?

Che cosa significa l’arrivo di Google Instant per il Search Engine Marketing (SEM)?

Google Instant non cambia soltanto le abitudini di ricerca degli utenti, permettendo loro – così si dice – di risparmiare moltissimo tempo ed ottenere una assistenza nella ricerca inimmaginabile in precedenza. Instant, infatti, sarà molto probabilmente oggetto delle riunioni d’emergenza di domattina in ogni Web Agency: questo aggiornamento in Tempo Reale dei risultati che cosa significa per il SEO? Che cosa comporta per le Campagne PPC di Adwords?

C’è già chi dice, infatti, che il SEO sia morto oggi.

Personalmente, non la vedo assolutamente così. Credo che si faccia largo – questo sì – l’opportunità di esplorare nuove modalità di ottimizzazione SEO e nuove possibilità per le strategie SEM. Le pagine di ricerca rimangono le stesse. Cambia il modo di raggiungerle e di visualizzarle. Ci sono, poi, molte variabili da considerare: ad esempio la possibilità che gli per gli utenti non cambi molto. Se questi, infatti, mantengono l’abitudine di digitare l’intera query velocemente, potrebbero non accorgersi poi così tanto di Google Instant. La stessa nuova interfaccia, inoltre, è attualmente disponibile solo per gli utenti Loggati, cioè che utilizzano Google con nome utente e password. Per tutti gli altri, la ricerca rimane normale. Senza contare, poi, che Google non è il solo Motore di Ricerca esistente. La visibilità sarà fondamentale anche sugli altri, sprovvisti di Instant.

Senza contare, poi, che l’interfaccia Instant fa scendere in basso tutti i risultati, mettendo in evidenza gli Annunci Adwords ed i siti posizionati nelle primissime posizioni. Il SEO, quindi, potrebbe addirittura diventare ancor più fondamentale su Google!

La nuova modalità Instant di Google viene, se mai, in aiuto quando non si sa con precisione cosa si cerca, perché ci si sta avventurando in un’area semantica che non si conosce bene o si è in cerca più di un concetto che di un determinato elemento.

In linea di massima, me la sento di affermare che Google Instant non segnerà la morte del SEO. L’ottimizzazione dei Siti Web avrà sempre la sua parte nel Search Engine Marketing, anche se questa parte probabilmente evolverà col tempo e porterà i SEO Specialists di fronte a nuove sfide. A dirla tutta, il solo elemento che posso considerare “pericoloso” per l’esistenza del SEO è la Ricerca Personalizzata Google, che mi impensierisce già da un po’. Unita ad Instant, la Ricerca Personalizzata può far sì che sul Web nessun utente visualizzi mai la stessa SERP di un altro. Questo renderebbe il SEO non inutile ma irrilevante, in quanto sarebbe difficile se non impossibile prevedere, ottenere e dimostrare ad un cliente (parlo di servizi SEO) un preciso e determinato posizionamento: per alcuni utenti il suo sito si troverà primo e per altri sarà più in basso nella SERP. Al momento il problema è arginato in parte dalla presenza di queste funzionalità soltanto per gli utenti Loggati tramite i loro Google Account. Bisognerebbe però ottenere (ci lavorerò su) e considerare le statistiche in merito al numero di utenti che utilizza Google da Account e di utenti che lo utilizza senza Log In.

Che cosa comporta Google Instant per Adwords?

Una delle prime preoccupazioni degli utenti, all’annuncio di Instant, è stata relativa alle Impression generate dagli Annunci delle Campagne Pay-Per-Click Adwords, i cui dati potrebbero essere fortemente falsati dalle visualizzazioni “fulminee” sulle SERP generate in Tempo Reale e poi sostituite immediatamente da altre. Che effetti avrà Instant sulle Campagne Adwords?

Google risponde a questa preoccupazione sul Blog Adwords Ufficiale:

[...] Google Instant cambia il nostro modo di vedere le Impression. Con Google Instant, una Impression è conteggiata se un utente compie una azione per selezionare una query tra quelle proposte (ad esempio, premendo il tasto Invio oppure cliccando il pulsante Cerca), clicca un link sulla pagina dei risultati, oppure smette di digitare per un tempo superiore o uguale a tre secondi.

E’ possibile che questa funzionalità possa far aumentare o diminuire i vostri livelli generali di Impression. Ad ogni modo, Google Instant può arrivare a migliorare la qualità dei vostri Click, in quanto aiuta gli utenti a digitare Query che li legano più direttamente alla risposta di cui hanno bisogno.

Sembra, quindi, che Google abbia pensato anche a porre dei limiti ai cambiamenti che chi gestisce Campagne PPC si troverà ad affrontare. Anche se è previsto che dei cambiamenti ci siano e che saranno da considerare in fase di modulazione.

Una parentesi a parte (l’ultima) si apre per considerare anche i cambiamenti per i WebMaster, che utilizzano Google Analytics. Il Blog Ufficiale dice:

[...] Con questo cambiamento, potreste notare alcune fluttuazioni nei valori di Adwords per volume di Impression e Traffico per Keyword relative alla ricerca organica. Ad esempio, potreste scoprire che alcune Keyword riceveranno molte più o molte meno Impression da oggi in avanti.

Continua il Blog Ufficiale di Google Webmaster:

Le Impression sono misurate in tre modi con Google Instant:

1. Quando il vostro sito compare tra i Risultati di Ricerca in risposta ad una Query completa di un utente (es. quando l’utente preme “Invio” o seleziona un termine dal menu di autocompletamente). Questo è il modello tradizionale.

Con Google Instant, misuriamo le Impression anche nei seguenti casi:

2. L’utente inizia a digitare un termine su Google e clicca su di un Link della  SERP, un Annuncio Adwords od una Chiave di Ricerca Correlata.

3. L’utente smette di digitare ed i risultati sono visualizzati per un minimo di 3 secondi.

Termina qui la presentazione di Google Instant. Sono comunque certo che avrò l’opportunità di pubblicare presto nuovi pensieri e spunti di riflessione su cosa significa Instant per chi con Google lavora, occupandosi di SEO e Web Marketing.

Voi cosa ne pensate? Il SEO è morto davvero? Cosa comporterà Google Instant in realtà?

Risorse utili:

Pagina Ufficiale di Google Instant

http://www.google.it/instant/

Will SEO still exist in five years? [VIDEO-ENG]

http://www.youtube.com/watch?v=NQArUFRb4Is

Google Instant, Impact on Search Queries

http://googlewebmastercentral.blogspot.com/2010/09/google-instant-impact-on-search-queries.html

Google Instant and Google Analytics

http://analytics.blogspot.com/2010/09/google-instant-and-google-analytics.html

Google Instant, a More Innovative Approach to Search

http://adwords.blogspot.com/2010/09/google-instant-more-innovative-approach.html

Google Instant Search Preview Goes Live

http://mashable.com/2010/09/08/google-instant-search-preview-goes-live/

6 comments

Leave a Reply