Social Media Strategies & Web Marketing Solutions

Facebook e le Pagine Fantasma – Non cliccate su quel Link!

Già in due articoli precedenti (QUI e QUI) avevo parlato di quelle che ho iniziato a chiamare Pagine Fantasma, sviluppate con Facebook OpenGraph per fini molto poco chiari e leciti.

Queste Pagine Web, spesso celando i link stessi, spingono gli utenti a cliccare un pulsante “Mi piace” con la promessa di poter poi visualizzare un contenuto particolare (una foto od un video). Sono i testi (spesso limitati al solo Titolo della pagina) fanno leva sulla curiosità dell’utente medio, il quale viene attirato dalla descrizione spettacolare della foto di un fantasma, di un video segretissimo o di un trucco che nessuno conosce. Sarà possibile visualizzare il contenuto “misterioso” solo dopo aver compiuto determinate azioni sul sito della Pagina Fantasma: cliccare su di un pulsante “Mi piace” (a volte addirittura invisibile e nascosto sotto un testo “Clicca qui per vedere…”, condividere un link sulla propria Bacheca Facebook o addirittura acquistare od iscriversi ad un servizio.

Proprio oggi sono incappato in una nuova evoluzione di queste Pagine Fantasma. Avendola notata molto presto, a differenza della maggior parte delle altre pagine simili, ho avuto modo di sezionarla rapidamente prima che cambiasse o venisse bloccata dallo stesso Facebook.

In realtà oggi presenterò due Pagine Fantasma, create dallo stesso utente (vedremo poi come faccio a saperlo con certezza) e che nascondono una sorpresa che, ahimè, ha confermato un mio sospetto già espresso su SocialNetWords.

La prima Pagina che ho incontrato oggi è stata questa:

Titolo: ASSURDO! Non posso credere che Elisabetta Canalis prima fosse cosi!
URL: http://www.canalisbutta.com/

Come per le altre, il meccanismo è virale e si innesca quando uno dei nostri Contatti “cade nella trappola”. Sulla nostra Bacheca (come è successo a me oggi) compare il Link:

Per curiosità, noia o comunque per interesse, clicchiamo sul collegamento condiviso da uno dei nostri Amici ed arriviamo sulla Pagina Fantasma:

Se vogliamo vedere veramente com’era brutta Elisabetta Canalis prima di diventare famosa, dobbiamo seguire i semplici Step che il sito (esterno a Facebook ed integrato col Social Network attraverso il protocollo Facebook OpenGraph) ci presenta. In questo caso, il primo è cliccare su “Mi piace” e, in seguito, condividere il Link sulla nostra Bacheca (quello che io ho notato sulla mia), azioni che innescheranno di nuovo il meccanismo virale.

A questo punto, mi sembrava che la Pagina Fantasma del giorno non riservasse molte sorprese, oltre ad una maggiore elaborazione grafica ed una tabella con le foto degli utenti che avevano già cliccato “Mi piace”. Quando, però, ho deciso di controllare per scrupolo il codice HTML ho notato che era possibile visualizzare in chiaro il link ad una Pagina Facebook reale verso la quale puntava il pulsante “Mi piace”. Un controllo successivo mi ha permesso di verificare che, sulla Bacheca dell’utente che era “caduto nella trappola”, non c’era la solita scritta che mi aspettavo (“A ****** ******* piace “[ASSURDO] Non posso credere che Elisabetta Canalis prima fosse così !”) ma c’era “A ****** ******* piace Nome Pagina“!

Ho potuto, così, verificare che alcune di queste Pagine Fantasma nascondono veramente una trappola: cliccando su quel pulsante “Mi piace” si diventa inconsapevolmente Fan di un’altra Pagina che sul sito non è assolutamente nominata! La mia verifica di questo dato è proseguita confrontando il numero di “Mi piace” dichiarati dal contatore accanto al pulsante sulla Pagina Fantasma e quello presente sulla Fan Page incriminata. Il numero era esattamente lo stesso. Ne risulta, quindi, che i clic raccolti dalla Pagina Fantasma su Elisabetta Canalis andavano a far crescere con una grandissima rapidità il numero degli iscritti alla Pagina reale su Facebook collegata.

Veniamo ora al motivo principale per il quale non posto il vero Nome Pagina della Fan Page che ha raccolto i Link: il tempo di tornare a casa dall’ufficio ed il codice era stato sostituito, il contatore resettato. Non ho fatto uno screenshot del codice originale e quindi non ho la prova materiale tra le mani. Si sappia, però, che la Pagina è stata creata tre giorni fa e conta ora 25.336 iscritti, la maggior parte dei quali molto probabilmente raccolti tramite questo metodo estremamente discutibile.

Ma chi c’è dietro queste Pagine Fantasma? Chi le crea? Cosa ci guadagna?

Anche se non ho ancora una risposta definitiva e completa a queste domande, posso mostrarvi qualcos’altro ancora.

Mi viene in aiuto la seconda Pagina Fantasma che ho incontrato oggi. Come vedrete, è molto simile alla prima in termini di Layout!

TITOLO: INCREDIBILE, SE HAI PAURA DEI FANTASMI NON CLICCARE QUI RIMARRESTI SCONVOLTO !!!

URL: http://www.incidentefantasma.com/

Come potete vedere benissimo, la Pagina si differenzia dalla prima fondamentalmente per la presenza della pubblicità. Gli autori hanno deciso di sperimentare la monetizzazione della loro opera attraverso il Pay-Per-Clic di Google Adsense.

Una rapida analisi della struttura HTML mi ha permesso di individuare al suo interno codici di affiliazione ed il codice Google Analytics per monitorare le statistiche degli accessi e quant’altro.

La mia opinione resta quella che chi genera queste Pagine Fantasma monetizzi lo sforzo lavoro con programmi di affiliazione oppure collegando la Pagina ad altre Fan Page, collezionando decine di migliaia di contatti per poi rivenderne i dati a terzi. Purtroppo si fa sempre più marcato in me il sospetto che dietro tutto questo ci siano professionisti o addirittura Web Agency che vendono “migliaia di utenti” ai loro clienti (senza specificare come li otterranno), spacciando poi la loro truffa come know-how e prendendosene tutti i meriti. Il far iscrivere utenti a Fan Page inconsapevolmente, tuttavia, non mi sembra la strada del Business Web del nuovo millennio!

Le bugie hanno le gambe corte! Tutto sommato, quando si crea una Pagina OpenGraph si lasciano i codici utente degli Amministratori… e basterebbe poco per risalire da lì ai veri profili utente.

6 comments

Leave a Reply