Social Media Strategies & Web Marketing Solutions

Wi-fi Libero in Italia – Campagna su Foursquare contro la Legge Pisanu

Chi frequenta la Rete e si interessa dell’argomento lo sa: in Italia è in atto, da parte della classe politica, una perenne demonizzazione delle nuove tecnologie ed in particolare di Internet.

Lo dimostrano le recenti interviste ai parlamentari, condotte da Wired.it nello stile de “Le Iene“: Onorevole Web. Chi legifera sulla libertà della Rete, non ha la più pallida idea di cosa sta facendo e non sa nemmeno di cosa si sta parlando.

Una delle delizie donateci da questa classe politica è proprio la Legge 155/2005, denominata Legge Pisanu. Per i dettagli, vi invito a leggerne il testo completo, ricordando che parleremo in particolare dell’articolo 7. Quest’ultimo, infatti, stabilisce sostanzialmente che:

  • in Italia, qualsiasi biblioteca, azienda od esercizio pubblico voglia offrire un servizio di connessione ad Internet ai suoi utenti deve richiedere al questore l’autorizzazione per farlo;
  • per offrire una connessione, gli stessi esercizi devono attrezzarsi al fine di controllare gli accessi dal web dalle singole postazioni e monitorare i software utilizzati dagli utenti;
  • prima di poter concedere l’accesso ad Internet ad un utente, gli esercizi devono richiedere allo stesso, fotocopiare o scansionare un documento d’identità;
  • in ogni caso, l’attività online dell’utente connesso ad Internet in questi locali deve essere monitorata e registrata.

Questo ha il duplice e magico effetto di limitare (di qualche ordine di grandezza) gli HotSpot ed i punti di connessione pubblici in Italia rispetto a quelli presenti in ogni altro paese dell’Unione Europea; limitare la privacy degli utenti.

Ecco, quindi, che per alle attività è richiesto un forte impegno burocratico, economico ed in termini di risorse umane (controllo documenti d’identità, impostazione e manutenzione dei sistemi di monitoraggio, etc.) per poter offrire il servizio Wi-fi. Questo, ovviamente, fa sì che in Italia questo servizio sia presente in un numero di luoghi limitatissimo rispetto a come potrebbe essere: la Legge Pisanu non fa di certo nulla per incentivare i gestori ad intraprendere questa strada. Oltre a questo, l’utente stesso non è per nulla invogliato a connettersi da HotSpot, dato che significa essere trattato come un pregiudicato, schedato e sorvegliato nella sua attività online.

E’ così che un’altra Legge tecno-fobica italiana limita fortemente lo sviluppo tecnologico e culturale del Paese.

Proprio in questi giorni l’argomento torna di attualità in quanto in Parlamento si sta considerando (per l’ennesima volta) la possibilità di abrogare le restrizioni della Legge Pisanu.

A sostenere la causa, una gran parte del popolo del Web, che si mobilita con varie iniziative. Oggi ne segnalo una in particolare, che si distingue dalle altre per l’utilizzo di un Social Network ancora poco diffuso in Italia: Foursquare.

Luca Alagna (alias Ezekiel) ha scelto il Social Network basato sulla Geo-Localizzazione per creare una Venue (un Luogo), accanto a Montecitorio, che ha chiamato “wi-fi libero in Italia” e che gli utenti possono utilizzare per effettuare un Check-In a favore della causa: l’abrogazione dell’art. 7 della Legge Pisanu e la liberazione del Wi-fi pubblico.

Per dare il proprio contributo, basta andare sulla pagina della Venue e cliccare “Mi piace” per diffondere la notizia su Facebook. Chi invece utilizza attivamente Foursquare e vive a Roma può effettuare il Check-In direttamente. Ma anche per tutti gli altri utenti 4sq non ci sono scuse! Ora, infatti, vi mostro come effettuare un Fake Chek-In da ovunque vi troviate.

Per fare un Check-In su Fourquare in un luogo distante da voi, in ogni parte del Mondo, potete seguire la procedura che riporto qui sotto. Attenzione! Ci sono anche altri modi, ma trovo questo metodo il più veloce e completo, visto che potete fare il Check-In dal PC, senza Blackberry, Android od iPhone.

1) Andate su http://foursquare.com/ ed effettuate il Login;

2) Cliccate sulla località (sulla parte alta a destra della pagina) nella quale Foursquare pensa che vi troviate;

3) Modificate la località scrivendo Roma e premete Invio;

4) Andate su m.foursquare.com e cliccate sul punto 4 (Search venues);

5) Cercate “wi-fi libero in Italia”;

6) Effettuate il Check-In.

La Legge Pisanu non è l’unico ostacolo per lo sviluppo tecnologico dell’Italia e la libertà della Rete. Come spiega molto bene questo articolo, infatti, le limitazioni non finirebbero con la sua abrogazione. Diciamo che è un inizio. Prima cominciamo a liberarci di questi “orrori” legislativi e meglio è per la Rete e per la Democrazia che essa tutela.

No comments

Leave a Reply